Perché fare soldi facili è difficile

fare soldi facili

Sai cos’è facile? Allacciarsi le scarpe.

Ma c’è stato un momento in cui non lo è stato. Quando? Prima di imparare a farlo.

Chiamiamo difficile ciò che non abbiamo imparato a fare, impossibile ciò che non vogliamo fare.

Affittare la propria casa a sconosciuti? Partecipare a un torneo di poker? Vivere senza conoscere lo stipendio mensile? Non ti suona così facile.

Quindi basta rischiare? A volte non basta.

Esempio.

Prendi Ray William Johnson e la sua trasmissione su Youtube.

Ray non fa un lavoro.

Lui è il suo lavoro.

10.000 euro per un video da 5 minuti. Una pacchia.

fare soldi facili

Ma c’è un piccolo dettaglio che può sfuggirti.

Non è stato facile quando ha postato il primo video.

Non è stato facile quando ha aperto il canale e non aveva alcun fan.

Non è stato facile quando a 18 anni anziché uscire il sabato sera si divertiva a riprendersi con una vecchia videocamera.

È facile per Ray fare un nuovo video e guadagnare 10.000 euro oggi? Come allacciarsi le scarpe.

È stato facile il primo giorno in cui ha pensato di fare una cosa simile? Come prima di allacciarsi le scarpe.

Per questo fare soldi facili è difficile.

Se vuoi fare soldi facili, l’idea da copiare non è realizzare un video come quello di Ray.

L’idea da copiare è: diventa il tuo lavoro.

Sì, ma le scarpe? Diavolo, era solo una metafora.

Share
Nella stessa categoria

9 Comments on "Perché fare soldi facili è difficile"

  1. Virginiamanda says:

    Ti ho ribloggato sul Tumblr. Vedi ci sono sempre due modi di affrontare quello che abbiamo davanti: uno e’ superficiale (buona questa torta, beato lui che viaggia, Briatore si’ che e’ ricco) e uno che approfondisce. Davanti a chi dice a mia mamma: anch’io voglio fare la vita di tua figlia (superficialmente: una che viaggia parecchio, conosce molte lingue e persone) come si fa? Alla prima risposta (nel mio caso: studiare e approfondire – dai rapporti umani alla grammatica- ma potrebbe essere: iscriversi ad un corso di cucina, andare a bussare alle porte gli sconosciuti, partecipare a bandi e concorsi e non fermarsi mai) girano lo sguardo e parlano di nuovo del tempo che fa. Non perdere tempo con chi si ferma alla crosta della torta e non pensaa che per cucinarla ci sono volute cinque ore e anni di esperienza. Un abbraccio!

  2. mbt scarpe says:

    Chi se la sente di aiutarmi a “mappare la Francia”?

  3. Giorgio says:

    Bellissimo questo post, grande Luca!
    Vedo di farlo girare su blog, fb e tutti i posti possibili… Lo condivido in pieno!

  4. assente says:

    Leggendo questo post mi viene in mente che c’è una sola regola “nessuna regola”, fare soldi online sembra la chimera del nuovo millennio. Quello che secondo me molti non capiscono è che di panetterie e bar ce ne bisogno in ogni isolato e possono avere un business model esattamente identico, mentre sul web chi vince è perché si è inventato una nicchia, chi insegue sulle stesse orme difficilmente riuscirà a superare chi ha iniziato prima.

  5. Chris says:

    Sicuramente ci sono molti casi simili a questo preso in esempio nel post, però mi capita spesso di vederli fuori dall’Italia. Se mi sbaglio mi piacerebbe vedere una sezione del sito dedicata ad imprese del tipo “il lavoro sei tu” dei nostri connazionali, in cui descrivono la loro esperienza, potrebbe esser un’idea :-)

    • admin says:

      Hai proprio ragione, ci pensavo da un po’ di tempo… ottimo spunto, vedremo chi riuscirò a tirare fuori dal cappello magico.

    • antonio says:

      Ottimo articolo! Dopo aver chiuso il mio studio di graphic e product design ho attraversato un momento molto difficile ( un infarto) durante la convalescenza per caso ho comprato un libro di Gary Vaynerchuk :Crush It!: Why NOW Is the Time to Cash In on Your Passion e libro dopo libro, blog dopo blog ho iniziato a pensare di raccogliere tutte le mie competenze al servizio delle mie passioni (l’arte e la scrittura). Penso che la goccia d’acqua scavi la pietra e che quindi la pazienza sia la dote più importante tra tutte quelle che pensiamo ci servano. Pazienza, pazienza, pazienza…un mantra necessario e fruttuoso. Un consiglio che mi sento di dare pero è: fate tutto in inglese perchè è un mare al confronto dell’italiano che è un piccolo lago. Io ho iniziato! Good Luck!!

  6. Guadagnare Online Marketing says:

    Nulla ci viene regalato, bisogna lavorare sodo!

Leave a Reply to Guadagnare Online Marketing