Sul lavoro, sogni di mezza estate e competenze

Smetti di lavorare. Adesso.

Londra Brick Lane

Speri che la tua generazione sia l’ultima a parlare di lavoro precario.

E che la prossima sia l’ultima a parlare di lavoro e che usi invece parole come “creare valore“.

Dal di fuori i due concetti sembrano uguali, perché in entrambi i casi sarà necessario lavorare duramente, inteso nel modo classico del termine. Ma guarda il volto di chi ha deciso di creare valore.

Fermati sul suo sguardo, respira come lui.

Continue reading →

Vivere in un sogno

Vivere in un sogno

Facciamo che hai un sogno.

Facciamo che per i primi quindici anni della tua vita è l’ultima cosa a cui hai pensato prima di addormentarti.

Facciamo che nei successivi cinque anni hai studiato, hai esplorato e hai deciso di provarci.

Solo che agli altri, del tuo sogno, non importa granché.

Ti senti lasciato solo.

È rischioso, pensi.

È infantile, pensi.

Metti il tuo sogno in un angolo e pensi che tanto prima o poi qualcuno più bravo se lo porterà via.

Continue reading →

Lei e troppo qualificato

Da un lato i ventenni usciti dall’università che trotterellano nel mondo degli stage.

Dall’altro i trentenni con troppa esperienza per poter essere accolti da aziende vecchio stampo.

E in mezzo: tutti alla ricerca di un sussidio finanziario dei propri sogni di mezza età.

Pur di avere un’occasione sei disposto ad abbassare le pretese, ed è lì che stai contribuendo a peggiorare il mondo in cui vivi, accettando richieste di mediocrità a 800 euro mensili.

Ma del resto è da una vita che ti insegnano a prepararti a pane ed acqua e ringrazia che poteva andar peggio, hai visto che crisi là fuori?

Continue reading →

Share
Nella stessa categoria

Non andare via prima di lasciare un commento!