La vita dell’eroe

C’è questo eroe.

Lui, di suo, l’eroe, avrebbe ben chiaro come cambiare le cose.

Ma il problema dell’eroe è la sua condizione stessa: che l’eroe, per definizione, è solo.

Hai mai visto due eroi in un solo film? Non ne hai visti.

Che alla gente stare vicino a un’eroe non è che piaccia granché.

Hanno sempre ‘ste idee rivoluzionarie in testa.

Te lo immagini seduto, l’eroe; in silenzio; a nascondere i propri errori dal giudizio irridente, con la barba incolta e gli scarti del cibo di qualche giorno prima, a farsi continuamente una sola domanda.

Perché, si chiede l’eroe.

E quando finalmente la trova – non la risposta, ma un modo per ottenerla – l’eroe parte.

Lo guardi andare di schiena, da lontano, chiedendoti se riuscirà a fermare la sua pazzia un attimo prima di morire o se cambierà il mondo.

Qualcuno, alla fine, torna.

E la gente lo accoglie in festa, “È tornato” urla, e in città si fanno due giorni e due notti di festeggiamenti.

Al terzo giorno gli altri hanno solo un vago ricordo di cosa sia cambiato, come si viveva prima e chi sia stato l’artefice del nuovo mondo.

E dell’eroe, dei suoi dubbi iniziali, di che fine abbia fatto dopo, non si ricorderà più nulla.

La gente continuerà a vivere, inventando nuove storie.

E inizierà i suoi racconti dicendo: “c’è questo eroe”.

Share
Nella stessa categoria

Non andare via prima di lasciare un commento!