Fare soldi facili online? Disegna un gatto.

C’è un nerd.

Cioè, spero per lui sia un nerd.

A guardarlo non gli daresti un soldo.

Sempre lui, il nerd, fa un video dove ripete per 12 volte “Voglio disegnare un gatto per te“.

E sai cosa fa? Vende un disegno di un gatto a soli 9,95 $.

La notizia non sarebbe degna di nota se non fosse che il nerd in questione vende 1319 disegni in un anno.

Fate voi i calcoli e ditemi se non vi è diventato improvvisamente simpatico.

La cosa che più mi colpisce in tutto questo non sono i movimenti di quest’uomo né il jingle che ormai ripeto in mente ogni notte.

Il punto è la grandiosità di un popolo.

fare soldi facili online

Un popolo che, da un lato, non ha il minimo timore a vendere una delle cose più ridicole che abbia mai visto.

Dall’altro non ha il minimo tentennamento ad acquistare una delle cose più ridicole che abbia mai visto.

Un mio ex capo una volta disse: Luca, smettila di chiedere che ne penso della tua nuova idea.

Tutto può essere venduto.

Conta solo come lo vuoi fare e perché lo fai.

Il resto sono pippe.

Grand’uomo.

Share
Nella stessa categoria

28 Comments on "Fare soldi facili online? Disegna un gatto."

  1. Sebastian Scaramuzza says:

    Fantastico!!!

    Questo esempio insegna molto. Ricordi il tizio che vendeva
    “pezzi di marte”? Un semplice foglio di carta senza alcun valore
    legale che però attestava di possedere un po’ del Pianta Rosso…

    Non esiste crisi, non esiste la scarsità se non in una mente poco creativa. :)

    Ciao!

  2. supergiu says:

    eheheh! il video fa davvero ridere e il ragionamento ci può anche stare…
    Anche se mi viene da chiedermi se in questo modo il Perché non rischia di ridursi al solo “vendere e acquistare le cose”…
    Penso sia più utile al Perché preoccuparsi della qualità di una nuova idea, della possibilità che una buona idea ha di svilupparsi e far crescere questo popolo che non ha il minimo tentennamento…
    Ovviamente dipende dall’obbiettivo che si vuole raggiungere …??

    Apriamo un dibattito? :D

    • admin says:

      Uh, ma qui abbiamo una uditrice attenta.
      Vero, non c’è un grande valore in quello che il tipo vende.
      Non è con i disegni dei gattini che si cambia il mondo, tanto per dire.
      Però in questo caso premiavo un atteggiamento sia di chi vende che chi acquista molto sbarazzino, superficiale. È l’insieme di questi atteggiamenti che fa girare l’economia, mentre da noi è tutto stagnante.
      Immagino che il nerd in questione abbia anche altro da fare a parte disegnare gattini.
      Se così non fosse, ha comunque messo da parte 13.000 dollari.
      Spero si prenda un po’ di tempo libero per pensarci su :)

      • Sebastian Scaramuzza says:

        Secondo me è molto facile che il tizio del video sia solo un attore…
        che l’idea sia di un business man e che chi fa i disegni sia un team di persone pagate a tal scopo (anche perchè sono TROPPE le richieste).

        Se poi parliamo del vero valore di ciò che si vende – a mio parere – la maggioranza delle vendibili (e vendute) non cambiano o migliorano il mondo. Un sito vetrina pagato 1000€ che non porta nessuna vendita o che non viene visto da nessuno non è di valore. (per fare un esempio)

        Mi piace citare la frase di Steve Jobs: “la gente non sa realmente cosa vuole finchè non glielo fai capire”. Cosa ne pensate voi?

  3. supergiu says:

    uhm…mi sa che dovrò davvero seguire il consiglio che mi hai dato sabato sul farmi affiancare da qualcuno che ha una visione più imprenditoriale della mia ;)
    …forse dovrei fare anch’io la sbarazzina per un po’ e far girare l’economia! …poi nel tempo libero potrò continuare a preoccuparmi del risvolto filosofico della questione! :)

  4. Gianluca (Zaniah - Consulenza Web) says:

    Veramente impressionante.
    Io concordo con Sebastian nel credere che si tratti di un’idea di un business man e che ci sia dietro almeno un minimo di staff. Certo che, se non fosse così, se fosse realmente tutto frutto del tizio che si vede nel video.. ha veramente fatto il botto (economicamente parlando). :-)

  5. Ciro says:

    “Tutto può essere venduto.

    Conta solo come lo vuoi fare e perché lo fai.

    Il resto sono pippe.

    Grand’uomo.”

    Concordo Luca!

  6. Giusi says:

    Ma il sito non esiste, secondo me non è vero

    • admin says:

      Vi prego ragazzi, vi prego, non cominciamo con il solito disfattismo. Il sito esiste e non credo ci sia nessuno dietro questo ragazzo.
      Ma il punto non è nemmeno questo.
      Il punto è che la storia sia verosimile.
      Ne ho conosciuti a centinaia di persone come quello descritto nell’articolo in giro per il mondo.
      Non importa che sia lui. Importa che esiste un mondo là fuori in cui succede anche questo.

  7. Antonio says:

    Quest’uomo diventerà il mio nuovo esempio di vita.

  8. Sir Koala Londinese says:

    Onestamente mi ha sconvolto é ipnotizzante!

  9. amanda says:

    ha ha ha….it is pretty funny-i would buy one.

  10. Steve says:

    Thank goodness for Google Translate!

    I am the dancer and the cat drawer in question. I can assure you that there is no business man or company behind me – this was just my silly idea. I draw all of the cats myself.

    Thanks for finding my web site, and thanks for writing about it!

    I will be appearing on the ABC show Shark Tank on January 27th! Do you get that in Italy? Here is a commercial!

    http://wire.inc.com/2012/01/19/shark-tanks-new-season-starts-jan-20/

    I hope to draw cats for all of you soon!

  11. Tristan says:

    Acquistare il disegno di un gatto di quel genere a 10$ sta a dimostrare quanti imbecilli ci siano in giro per il mondo

    • admin says:

      Non lo so.
      Questa affermazione può essere vera per qualunque cosa. Nel mondo esistono centinaia di migliaia di culture diverse e ciò che per noi è gratis e di scarso valore dall’altra parte del mondo è rara e costosa. Non giudicherei mai niente in modo assoluto. Qualcuno compra questi gattini e anche per me è inconcepibile. Allo stesso modo delle borse griffate, direi. Non per questo mi sento in diritto di dare dell’imbecille a qualcuno.

      • Tristen says:

        Forse la mia affermazione è stata un po’ forte e offensiva, capisco il disappunto, mi dispiace, ma era il mio pensiero …
        Per quanto riguarda il paragone da te esposto, con tutto il rispetto possibile, ma non regge, acquistando una borsa griffata, acquisto un prodotto manifatturiero di alta qualità e design, che bene o male ha una sua utilità pratica, e che, tu saprai meglio di me per il tipo di società in cui viviamo ha la sua importanza….
        Detto ciò, comprendo il senso del tuo esempio, e dell’articolo, e non ho nulla da eccepire su questo, anzi, anche io ne sono stupefatto, sconvolto, e incuriosito, mi costringe una volta per tutte ad uscire dal vedere le cose solo da una determinata ottica; ….. “Non giudicherei mai niente in modo assoluto”…… ;)

  12. san says:

    grazie luca, è fantastico, notevole, meraviglioso, stupefacente, intrigante, semplice, emotional, banale, grandioso, spassoso, creativo, dirompente, capace, zuzzerellone, insomma mi sento sua fan da oggi, grazie per la scoperta condivisa … e mi lancio in una previsione fattibile anche per l’italia su SHARK TANKS : sicuro “pacchetto” televisivo! in italia è un pullulare di startupperrrrr e la gente “imbecille” ha voglia di vivere svolte decisive per la propria vita, veramente un grazie sincero in bocca al lupo a steve e in culo alla balena per gli invidiosis “immobili”
    PS : da educatrice mi lancio sempre là dove altri non vedono possibile via di uscita! nel mio lavoro, insieme ai bambini e gli adulti, si aprono percorsi luminosi e divertenti, basta lasciare vecchie concezioni e tutto si schiarisce

  13. Laydo2 says:

    Caro Luca, ti rispiego in maniera semplice quello che cercano di dirti su Wired da vari mesi (senza successo). I casi come quello del nerd disegnatore di gatti sono casi particolari, non è possibile pensare di costruirci un’economia sopra. Tante congratulazioni a chi ci è riuscito, ma si tratta comunque dello 0.1% delle persone. Non ha senso prenderlo come scusa per tirare fuori frasi degne di “the secret”. Per mantenere uno come lui ci vogliono circa 1000 persone che fanno lavori veri (tipo l’elettricista che gli porta la corrente a casa, l’idraulico che gli ripara il gabinetto, lo scaffalista che gli mette le buste di Ramen al supermercato e così via)…

  14. Nicola says:

    Ciao Luca! esempio davvero divertente a dimostrazione del fatto che il denaro non è un semplice oggetto di scambio per merci, ma serve anche a dichiarare simpatia verso una persona. Esempio: estate di 3 anni fa a Liverpool, io e un amico decidiamo di guadagnare i soldi per comprare il pranzo con un’idea assolutamente stupida ma efficace: nel bel mezzo di una delle vie più affollate Lui mostra ai passanti un cartone con su scritto: “se vi fa ridere, dategli 1 pound”, io ai passanti faccio facce davvero ridicole (mi riescono bene)…ci siamo comprati anche il tabacco con un’ora di questa cosa :)

  15. Simone says:

    Effettivamente é strano notare come una piccola cosa possa far spendere dei soldi a qualcuno anche senza una vera e propria utilità.. Pensiamo ai Memes su facebook.

    Un paio di scarpe bianco con uno di quelle faccia stampate sopra..ci sono file di ragazzino disposti a spenderci 50€ sopra..

    Questione di popolarità? Questione di brand? Forse é sufficiente pubblicizzare i propri prodotti in questo modo per venderli dlppiu?

    Mi viene da pensare a TIm Cook che fa un video su youtube ballando e cantando “i want to sell an IPad for you” .. Secondo me farebbe uno scolpa talmente clamoroso da far parlare media e giornali almeno per una settimana .. Con conseguente notevole pubblicità puramente gratuita alla Apple

    • Simone says:

      Chiedo perdono per l italiano come optional ma ho l iPad che traduce praticamente tutto quello che scrivo in automatico.. Che nervi!

  16. luca (another version) says:

    il gattino e veramente inguardabile mia nipote di 6 anni lo fa meglio e su questo non si discute ,
    ma il concetto è un altro
    1 – chi dice che sia piu stupido spendere 10 euro per un disegno fatto come un bambino di 6 anni e non spendere 800 euro per un telefono quando ce ne sono funzionanti a meno di 100 euro ??

    semplicemente nessuno…..perche in paese ricchi e numerosi come in quelli occidentali si spendono un sacco di soldi piu del necessario su cibo vestiti tecnologia inutile e quant’altro.

    il “danzatore” non ha fatto nient’altro che incanalare una parte di questo budget della gente che usa per cose inutile in un sua idea non è difficile da capirlo.

    perchè se lo fa una grossa azienda ad esempio raddoppiandoti il prezzo di un cuscino di un cioccolato di un peluche solo mettendo ad esempio la faccio di “hello Kytty” va bene , se invece lo fa un privato allora e stupido ???

    questa è una mentalità tipicamente italiana che giustifichiamo col dire (ma quello è di qualità)
    ma chi lo ha detto che solo perche c’è un marchio deve valere 15 volte il prezzo di un oggetto paritario senza marchio ?

    preferisco il gattino del danzatore almeno quando lo compri sei consapevole che sono 10 euro regalati a qualcuno e non ti fai problemi piuttosto di esser convinto di comprare chissà quale qualità con oggetti marchiati.

    e ripeto in paese popolosi e ricchi avendo soldi in piu da buttare queste idee attecchiscono , in paesi dove non ci sono i soldi ovviamente si bada piu al pratico e solo una questione di disponibilità economica .

    X Luca anch’io vengo dalla sicilia (trapani) poi trasferito a latina ,vissuto a roma e successivamente a Londra ma poi sono tornato a Latina , ma non è escluso che anch’io faccia il salto verso la california un giorno ahahahah auguri

  17. Silvia says:

    La domanda che ti faccio è semplice semplice. Steve vende disegni di gatti e non è un genio del disegno, e penso che lo sappia pure lui.
    Però si è arricchito perchè ha saputo vendere….come si dice: chi è abile vende i ghiaccioli pure al Polo Nord.
    La domanda che mi frulla per la testa è questa: io che so disegnare, che lo faccio di mestiere….e guadagno poco…..cosa potrei fare, allora?
    Non aggiungo altro….chiedo consigli.

Trackbacks for this post

  1. Vivere da freelance in giro per il mondo | italiansinfuga
  2. Il posto fisso? Ormai è nel passato di Luca Panzarella -

Non andare via prima di lasciare un commento!