Intervista su “una questione politica”

D:

“Nel booktrailer de Il viaggio dell’eroe precario, paragoni il precario ad un bambino che impara a camminare. Davanti a noi c’è ancora un pezzetto di mondo da scoprire. Come fare i primi passi verso quella realtà non ancora esplorata?

R:

Il secondo passo è quello di comprare un biglietto aereo, o licenziarsi, uscire dalla propria area di comfort, fare cose che non hai mai fatto per il solo scopo di conoscere nuove emozioni.

Il primo passo è convincersi che sia la tua strada.

Molti pensano di dover spendere tutte le energie sul secondo passo, mentre è il primo quello che ti frega.

Ci puoi mettere un giorno o trent’anni, dipende solo da te.

La cosa certa è che una volta che succede questo “clack” nella tua testa, non sei più in grado di tornare indietro.

Vai al resto dell’intervista.

Share
Nella stessa categoria

Non andare via prima di lasciare un commento!